Fondazione Oncologica Valdostana

Fondazione della Regione Autonoma Valle d’Aosta per la Ricerca sul Cancro

Guarire dalla malattia

La ricerca costante e i progressi nella prevenzione e nel trattamento del cancro stanno portando a risultati sempre più positivi. Se da un lato è vero che il cancro continua a rappresentare una sfida significativa, dall’altro lato, sempre più persone stanno sconfiggendo questa malattia e vivendo una vita piena e soddisfacente dopo il trattamento.

Diversi studi scientifici hanno evidenziato che la battaglia contro il cancro porta sempre più successi grazie alla diagnosi precoce e ai trattamenti sempre più efficaci. Non si tratta più di mere congetture ma di dati epidemiologici solidi: il cancro può essere sconfitto e, in molti casi, mantenuto sotto controllo per lunghi periodi.

Questi risultati emergono da un recente studio pubblicato sulla rivista International Journal of Epidemiology condotto dai ricercatori del Centro di riferimento oncologico (CRO) di Aviano. Lo studio, denominato EUROCARE-5, ha rivelato che entro meno di 10 anni dalla diagnosi, circa il 51% delle donne e il 39% degli uomini europei affetti da tumore non solo guarisce, ma recupera un’aspettativa di vita simile a quella delle persone non colpite da questa malattia.

I dati presentati in questa ricerca si affiancano a quelli contenuti nell’edizione 2020 del volume “I numeri del cancro in Italia”, curato dall’Associazione italiana registri tumori (AIRTUM) e dall’Associazione italiana di oncologia medica (AIOM). Questo volume, presentato ufficialmente l’8 ottobre 2020, fornisce un quadro esaustivo della situazione oncologica nel nostro Paese.

Secondo i risultati dello studio EUROCARE-5, condotto sotto la guida del CRO di Aviano e con il sostegno di varie istituzioni, tra cui l’AIRC, è giunto il momento di smettere di considerare il cancro un male incurabile. Infatti, la ricerca ha dimostrato che per molti tipi di tumore, come quelli alla tiroide, al testicolo e i melanomi cutanei, le probabilità di guarigione superano l’80%.

Tuttavia, non tutti i tumori sono uguali e alcuni rappresentano ancora una sfida significativa per i medici. È il caso dei tumori al pancreas, al fegato, all’esofago e al polmone, dove le possibilità di guarigione rimangono inferiori al 50%.

Nonostante queste sfide, i progressi nella ricerca e nei trattamenti hanno portato a una diminuzione della mortalità per tumore in Italia. I tassi di mortalità sono diminuiti del 6% negli uomini e del 4,2% nelle donne rispetto al 2015.

Inoltre, i programmi di screening efficaci hanno contribuito a una significativa riduzione dell’incidenza di alcuni tipi di tumore, come quello del colon-retto, che è diminuito del 20% rispetto al picco raggiunto nel 2013.

Nonostante la nostra fondazione si impegni a garantire l’accuratezza e la scientificità delle informazioni, decliniamo qualsiasi responsabilità riguardo alle decisioni prese in base alle indicazioni fornite sui trattamenti del paziente. Ribadiamo l’importanza di consultare sempre il proprio medico curante in caso di disturbi o malattie. La salute è un aspetto delicato che richiede l’attenzione e l’esperienza di un professionista di fiducia.

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.