Fondazione Oncologica Valdostana

Fondazione della Regione Autonoma Valle d’Aosta per la Ricerca sul Cancro

La circolazione stradale per il malato

Il malato di cancro in terapia ha diritto al contrassegno di libera circolazione e sosta, un documento essenziale che offre una serie di benefici per agevolare la sua mobilità durante il percorso di cura.

Questo contrassegno, rilasciato dal Comune di residenza, consente al malato di cancro:

  • Libero transito nelle zone a traffico limitato e pedonali: Il contrassegno permette al malato di circolare liberamente in aree che altrimenti sarebbero off-limits per i veicoli.
  • Sosta nei parcheggi riservati ai disabili: Il malato può parcheggiare il proprio veicolo negli spazi appositamente riservati (strisce gialle) senza incorrere in sanzioni. In mancanza di tali spazi, può usufruire della sosta gratuita nei parcheggi a pagamento (strisce blu).

È importante notare che il contrassegno è nominativo e può essere utilizzato solo quando il veicolo è al servizio del malato intestatario del permesso. L’utilizzo improprio può comportare sanzioni e il ritiro immediato del contrassegno.

Per ottenere il contrassegno, è necessario presentare una domanda al Comune di residenza, normalmente presso l’ufficio della Polizia Municipale. La documentazione richiesta include un modulo compilato, una fototessera del titolare e un certificato medico-legale che attesti la grave difficoltà motoria. Questo certificato può essere ottenuto presso l’ufficio di medicina legale della ASL o allegando il verbale di accertamento dello stato di invalidità civile e/o di handicap della Commissione Medica della ASL, validato dall’INPS.

La validità del contrassegno dipende dalle condizioni di salute del richiedente. Se la grave difficoltà di deambulazione è temporanea, il permesso è valido per il periodo di recupero della funzionalità motoria. In altri casi, come malattia stabile o senza possibilità di miglioramento, il contrassegno ha una validità di cinque anni ed è rinnovabile.

Grazie ad una modifica del codice della strada, introdotta dalla Legge di conversione del DL 10 settembre 2021, n. 121, i veicoli al servizio di persone con disabilità titolari del contrassegno speciale possono sostare gratuitamente nelle aree di parcheggio a pagamento (strisce blu) se gli stalli riservati ai veicoli con contrassegno handicap sono già occupati o indisponibili. Questa modifica normativa ha reso più accessibili le aree di parcheggio per chi necessita di cure mediche.

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.