Fondazione Oncologica Valdostana

Fondazione della Regione Autonoma Valle d’Aosta per la Ricerca sul Cancro

Diritti del caregiver familiare

Affrontare la malattia oncologica di un familiare rappresenta una sfida emotiva, economica e pratica per tutti coloro che sono coinvolti nel processo di assistenza. Nel caso in cui il caregiver sia impiegato, la legge prevede una serie di strumenti a tutela dei suoi diritti, al fine di agevolare il gravoso compito di assistere il malato.

Per poter accedere ai benefici previsti, in molti casi è necessario documentare che il malato è affetto da patologia oncologica, mentre in altri casi è richiesto il riconoscimento di un certo grado di invalidità o di handicap grave. L’accertamento della disabilità oncologica può essere ottenuto attraverso la presentazione di una domanda all’INPS per via telematica, seguita da una visita medica presso la ASL territorialmente competente.

Tra i benefici previsti per il caregiver si annoverano diverse misure, tra cui:

  • Passaggio al lavoro a tempo parziale: nel caso in cui il malato sia coniuge, figlio o genitore del caregiver, quest’ultimo ha diritto alla priorità nella trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.
  • Congedo biennale per gravi motivi familiari non retribuito: il caregiver può richiedere un periodo di congedo fino a due anni, durante il quale conserva il posto di lavoro ma non può svolgere alcuna attività lavorativa.
  • Permessi lavorativi per eventi e cause particolari: il caregiver ha diritto a permessi retribuiti per assistere il coniuge, un parente entro il secondo grado o il convivente in caso di decesso o grave infermità.
  • Ferie e riposi “solidali”: i lavoratori possono cedere giornate di ferie o riposi solidali ai colleghi di lavoro in difficoltà per assistere figli minori che necessitano di cure costanti.

Inoltre, il caregiver che assiste un malato con handicap grave può avvalersi di ulteriori benefici, tra cui permessi lavorativi mensili, scelta della sede di lavoro e trasferimento, congedo biennale straordinario retribuito e divieto di lavoro notturno.

In questo contesto, la Fondazione Oncologica Valdostana consiglia ai caregiver di prendersi cura anche del proprio benessere emotivo, cercando sostegno psicologico e partecipando a gruppi di supporto dedicati. Affrontare la malattia di un familiare richiede un forte sostegno emotivo e pratico e il caregiver non dovrebbe esitare a cercare aiuto quando necessario.

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.